SuperGlass, mostra, 11-20 settembre 2017

sfondo-invito

SuperGlass: from the material to the future
Ca’ Tron, Venezia
11-20 settembre 2017

In occasione della Venice Glass Week 2017, Università Iuav di Venezia e Fondazione Pentagram Stiftung presentano i primi risultati del gruppo di ricerca e progetto Iuav Osservatorio Vetro, che impegna ricercatori e docenti nella ricerca di definizione e sviluppo di strategie di valorizzazione del vetro di Murano.

Allestita al piano nobile di Ca’ Tron, la mostra SuperGlass: from the material to the future ha come tema sotteso l’innovazione, indagata nei suoi aspetti materiali e simbolici, storici e tecnici, progettuali e sperimentali.

Divisa in tre sezioni, la mostra espone, nella prima, le visioni degli studenti del Laboratorio di Design del prodotto che sono andati oltre la concezione dell’oggetto finito per riflettere sull’innovazione durante lo svolgersi del processo, progettando scenari futuri a partire dal contesto storico e tradizionale del vetro, fino a prefigurare la fornace del 2080.

Condividendo il medesimo approccio progettuale viene inoltre documentato il progetto BTM — 02 / Pattern, una originale esperienza di sperimentazione sulle tecniche tradizionali muranesi intrapresa dalla piattaforma Breaking the Mould, un team interdisciplinare di ricerca e progetto, e l’azienda Salviati di Murano.
L’innovazione è indagata in chiave storico-tecnica dal percorso Looking through the glass, curato dal Laboratorio di Analisi dei Materiali Antichi (LAMA) dell’Università Iuav di Venezia: il racconto tecnologico sul vetro, in un gioco di comparazione tra antico e moderno, si snoda tra materie prime e tecniche di lavorazione del vetro, il racconto delle origini della produzione vetraria a Venezia e le grandi invenzioni del Rinascimento veneziano, che verranno esibiti insieme a oggetti fisici in un percorso didattico ed espressivo.
La mostra SuperGlass: from the material to the future, oltre a inaugurare la prima attività di Iuav Osservatorio Vetro, offre la possibilità di avvicinarsi a un materiale “semplice” ma dai risvolti complessi come il vetro, attraverso il filtro dell’innovazione, necessaria per accompagnare ogni fase di cambiamento.